Review Party - Guarda oltre ciò che vedi di Emanuela A. Imineo

Buongiorno lettori,
sono veramente emozionatissima nel parlarvi di questo Manuale. Per capire meglio il motivo, ho deciso di dividere la recensioni in due parti. Una più personale, e una più "tecnica". Perché questo argomento ha davvero tanto di cui parlare. 
Come avrete capito, parliamo ti Tarocchi e delle basi per iniziare ad approcciarvi alla lettura di questi. So che ci sono pareri discordanti a riguardo, ognuno li vede e li vive in maniera diversa. Ma non parleremo di questo.
Qui, vi si chiede di aprire la mente, eliminare tutti i paletti che la società, le credenze, le persone, la cultura ci hanno messo e guardare oltre! Solo così potrete vedere veramente. 

Titolo: Guarda oltre ciò che vedi
Autrice: Emanuela A. Imineo
Genere: Manuale
Pagine: 158
Prezzo: Ebook €4.99 / Cartaceo €12.99
Hai mai pensato di provare a guardare oltre ciò che riesci a vedere? Guarda oltre ciò che vedi, manuale sull'arte dei tarocchi e sul loro utilizzo, ti aiuta a scoprire il significato di ogni singola carta e ti indica come realizzare alcuni schemi e stese per individuare il futuro e alzare quel velo tanto misterioso. Una piccola raccolta di spiegazioni ed esercizi in cui potrai trovare il significato più semplice e approfondire la comprensione di figure tanto simboliche quanto ricche di dettagli.
Prima di iniziare a parlare del Manuale di Emanuela, mi sembrava doveroso dirvi il mio rapporto col mondo della Tarologia e in generale dell'esoterismo (se così vogliamo chiamarlo). Sono una persona estremamente empatica e ho sempre avuto un sesto senso che a volte mi preoccupa, talmente sono intense le emozioni che mi fa provare. Credo fortemente nel destino, nel fatto che niente avviene per caso. Certo, le nostre scelte cambiano costantemente; una strada può, improvvisamente, dividersi in più parti... alcune in discesa, altre in salita, altre ancora (apparentemente) prive di ostacoli. Siamo noi a scegliere dove andare, che sfide affrontare, se resistere alle difficoltà o arrenderci e prendere un'altra via. Ma credo che il destino e l'Universo, alla fine, abbiano un disegno ben preciso per noi. Come se ci avessero disegnato l'inizio e la fine, lasciando a noi il compito di tracciare il percorso che vogliamo. Una strada ricca di insegnamenti, che ci porterà a essere le persone che siamo destinate a diventare.  Un po' come il nodo della vita cinese, o l'unalome giapponese.
Per quanto riguarda i tarocchi, ho sempre avuto un po' di timore, lo ammetto. Credevo che le carte potessero influenzare le mie scelte, o scoraggiarmi nelle situazioni che stavo affrontando in quel momento. 
Possiamo dire che sono state loro a chiamare me, come se volessero farmi capire che i miei timori erano infondati. Una sera, ero in un pub con una mia amica e, nascosta nell'ombra, c'era una signora che leggeva le carte. Questa mia amica mi disse: "Dai, proviamo!" Avevo detto no, non ricordo nemmeno quante volte, ma alla fine, non ricordo come, mi sono ritrovata davanti a questa signora, non sapendo minimamente cosa chiedere. Feci una domanda davvero stupida, di cui non mi interessava nemmeno la risposta. Ma è qui che ho scoperto il vero potere delle carte. Dopo aver risposto alla domanda che avevo posto, l'attenzione di queste ultime si era spostata a quello che stavo affrontando in quel periodo. E, sorprendentemente, risposero alla domanda che forse temevo di fare ad alta voce. Ricordo che piansi, era un'emozione davvero troppo intensa. 
Le cose che vide quella prima volta, successero tutte. Andai ancora, ma non mi lasciai influenzare quando le carte mi diedero risposte poco positive. Nonostante poi l'esito fu proprio quello predetto da loro. Però penso sia giusto così, i Tarocchi vanno ascoltati con mente aperta, bisogna capire il significato profondo di quello che vogliono dirci, soprattutto nelle situazioni di difficoltà e sofferenza, dove noi per primi sappiamo che c'è qualcosa di tossico che non ci fa star bene. Poi, esiste il libero arbitrio, che ci permette di prendere in ogni caso la decisione che sentiamo giusta per noi, anche se forse non è quella migliore. 
Io, per esempio, cerco di fare solo quello che mi fa stare bene. A volte mi è capitato di ascoltare consigli e prendere decisioni che non sentivo "mie". Com'è andata? Mai bene... 
In questi ultimi mesi, poi, ho iniziato a prestare molta più attenzione ai segnali e ai messaggi che manda l'Universo. Inoltre, ho iniziato a fare una cosa a cui prima non ho mai dato tanta importanza: credere a quello che sento sia giusto, sebbene la situazione appare troppo difficile e avversa. Alcuni potrebbero pensare che sia facile, addirittura una sciocchezza. Ma quanto è semplice cadere nello sconforto? Venire abbattuti da commenti di amici, parenti che, al contrario di te, non credono nella situazione che stai vivendo e non ti supportano? Ve lo dico io: è semplicissimo (purtroppo). 
In conclusione posso dire che, con gli anni e grazie anche alle conoscenze che ho fatto, ho capito che non bisogna avere pregiudizi o paura, se le nostre intenzioni sono pure e oneste. 
Se il mio monologo di prima vi avesse fatto venire il dubbio, ho sempre sognato di poter imparare a leggere i Tarocchi. Di comprenderne il significato, non legato a una lettura singola. Vedendo i vari video mi è sempre sembrata una cosa troppo complicata, e "me l'ero messa via" dicendo che probabilmente, per leggerli, bisognava avere qualche dote particolare. 
Finché non mi è capitato fra le mani "Guarda oltre ciò che vedi". Anche qui, secondo me, il destino c'ha messo lo zampino, perché non mi ero minimamente accorta che si stava organizzando un evento per questo romanzo, è stata la mia collaboratrice a dirmelo, sapendo quanto io sia affascinata dai Tarocchi. Ancora una volta, però, avevo paura di non capirci niente! Per fortuna sono finita fra le abili mani di Emanuela che, con la sua accuratezza e semplicità, mi ha davvero aperto un mondo! Si percepisce benissimo che lei i Tarocchi li vive con tutta se stessa. Solo così è riuscita a spiegarli egregiamente a chi è totalmente inesperto o comunque ne sa davvero poco. 
Ma andiamo con ordine! 
Questo Manuale, non solo descrive le carte una a una, soffermandosi sul significato che hanno da dritte e da rovesce, ma fa molto di più: spiega come mescolare il mazzo (cosa forse sottovalutata) per avere una lettura più completa e accurata possibile, dà esercizi sia di riflessione che di pratica, mostra tramite schemi alcuni tipi di stese e le varie caratteristiche che hanno.  
Emanuela ci prende dolcemente per mano e ci accompagna, passo dopo passo in questo percorso, senza lasciare niente al caso. 
L'impaginazione è molto ordinata e di facile consultazione, così che, finché non si familiarizza bene con le carte, possa essere un ottimo alleato. Le descrizioni sono brevi e precise, l'autrice non si dilunga mai troppo, perché il suo scopo è quello di aiutare il lettore a memorizzare le informazioni senza che questo rischi di perdersi o confondersi.
Si inizia con un accenno storico dei Tarocchi, davvero interessante! Per poi passare a un quadro generale della composizione del mazzo, infine si parte per la vera avventura con con: gli Arcani Maggiori.
Qui, fin da subito, capiamo una una cosa importante su queste prime 22 carte: se escono dritte, hanno un significato positivo, se invece escono al rovescio, il loro significato è negativo. Per ogni carta (le cui foto sono inserite a colori, per poter avere una visione a 360°) ci si sofferma a studiarne l'immagine, appunto, analizzando dettagli che magari potrebbero sfuggire a un occhio inesperto. Non spaventatevi se qualche immagine  sembra negativa. Ricordate? Dovete Guardare oltre. 
La cosa bella è che, le informazioni che ci vengono date, non riguardano solo avvenimenti che potrebbero succedere o essere già avvenuti, ma anche stati d'animo, caratteristiche di persone e tempistiche di durata e manifestazione. Che ovviamente possono variare, perché nulla è statico.
Già dopo aver studiato queste 22 carte, potrete provare a fare qualche lettura. E vi assicuro che è davvero emozionante! 
Gli esercizi, le note dell'autrice e le curiosità sono sparse nel manuale, in modo da "interrompere" la carrellata di informazioni più tecniche e farci, come dice lei, prendere fiato.
Fra i 22 Arcani Maggiori, quello con cui sento una connessione speciale è questo...
Le Stelle
Una bellissima donna versa il contenuto di due brocche nell'acqua e otto stelle, che ricordano l'infinito, illuminano il cielo su di lei.

Non è incantevole? È una carta che, negli interattivi che faccio, esce davvero molto spesso, accompagnata dal Sole, dal Carro e dalla Temperanza.

Una volta terminato con loro, iniziamo a conoscere gli Arcani Minori, che compongono la parte più grossa del mazzo. Davo per scontato che anche con loro vigesse la regola degli Arcani Maggiori. Invece, con mia grande sorpresa, non è per niente così. Dritto non è necessariamente sinonimo di positività, così come rovescio non è sinonimo di negatività. Con i vari semi degli Arcani Minori: Bastoni, Coppe, Denari e Spade, positivo e negativo si mescolano, si invertono, si annullano, combaciano. Inoltre, per ogni numero che rappresentano gli Arcani Minori, c'è un significato preciso. 
Prendiamo come esempio il 10, che è il mio numero preferito. Il manuale dice:
 - I dieci segnano un nuovo inizio -
Nulla è lasciato al caso con le carte, sono minuziose e attente. Unite, possono dare al Consultante risposte e consigli chiari e profondi, ma attenzione! Non stressate le carte, se insisterete troppo, si rifiuteranno di rispondere. 
Degli Arcani Minori, il seme a cui sento di appartenere è quello delle Coppe. In particolare l'Asso di Coppe e il Due di Coppe. Anche queste due, sono carte che mi escono quasi sempre negli interattivi che faccio, accompagnate dal Dieci di coppe. 
Asso di Coppe
In generale, gli assi, rappresentano l'inizio e l'affermazione di sé.

Dire che ho vissuto questo Manuale penso sia riduttivo! Parlerei per ore (e se siete qui ancora a leggere, vi ringrazio davvero per la pazienza e l'attenzione). 
Consiglio davvero Guarda oltre ciò che vedi, non ve ne pentirete! 
Grazie, Emanuela, per avermi dato la possibilità di conoscere finalmente i Tarocchi e per avermi fatto capire che non sono complicati come credevo. 
Vi lascio con le parole dell'autrice...

Caro lettore, se sei arrivato fino a qui hai capito quanto per me il mazzo dei tarocchi sia una fusione completa tra il destino e il libero arbitrio e quanta forza e potenza si nasconda dietro a queste icone...

Il mondo dei tarocchi è il riflesso della realtà che cammino passo passo con il fato e aiuta ad alzare quel velo tanto misterioso e ammaliante che la cela ai nostri occhi. 

Non aver paura di alzare quel velo.


Qui sotto vi lascio il calendario, del review party, così potrete vedere cosa pensano anche le altre ragazze di questo piccolo gioiellino.

Nessun commento